Chiara è la donna della mia vita e questa quarantena me l’ha confermato. Questo virus maledetto ci ricorda che dobbiamo vivere. Viviamo fino in fondo dunque, il momento è giunto: martedì sera le ho chiesto di sposarmi dedicandole una canzone d’amore che ho scritto per l’occasione….

Come avrei fatto senza di te in questo periodo?

Il coronavirus ha stravolto le vite di tutti. Tutti hanno visto cambiare le proprie abitudini. Tutti hanno visto scombussolare i propri piani. Tutti hanno dovuto in qualche modo ripensare la propria vita. Tutti, nessuno escluso. In questa situazione imprevedibile e senza precedenti io posso dire di essere stato fortunato,  perché non sono stato solo: al mio fianco c’era e c’è una grande donna. Ho passato i giorni della quarantena, giorni ricchi di incognite sul futuro, giorni ricchi di incertezze, insieme alla donna che amo e che mi ama. Non voglio immaginare alla tristezza che avrei avuto in questo periodo se non ci fosse stata lei.

La quarantena è stata una prova le coppie

La quarantena causata dal covid è stata una prova per le coppie, sia per quelle che convivono, come è stato il caso di me e Chiara, sia per quelle che non convivono e che hanno dovuto lottare contro una terribile distanza. Abbiamo letto di coppie  che non hanno superato questa prova, che non hanno retto, il cui amore si è infranto.
Ebbene, non è stato il caso nostro. Io e Chiara abbiamo vinto la sfida. Abbiamo resistito a tutte le difficoltà, alle frustrazioni e anche alle incomprensioni inevitabili causate da questo maledetto virus. Per me questo è stato il messaggio definitivo: Chiara è la donna della mia vita, con la quale voglio condividere il tempo che mi resta.

Canzone d’amore: la nuova vita dei miei 27 anni

Tra pochi giorni, il 18 maggio, compio 27 anni. Dopo 27 anni ho trovato nuova vita, posso dire di aver terminato la ricerca. Il virus stesso ci ricorda quanto sia importante ed esclusivo vivere. Viviamo allora! Viviamo subito, adesso, viviamo per ribellarci dell’incertezza del futuro!
Martedì sera, tornato da lavoro, ho portato Chiara sul nostro terrazzo di fronte allo stupendo panorama sul lago d’Iseo che si gode da Monte Isola. Lì, nel paradiso in terra, le ho fatto la proposta, sulle note della canzone d’amore che ho scritto per l’occasione


Ora mi taccio e faccio parlare la musica.

La mia canzone d’amore per Chiara

Testo e musica di Francesco Saldi

Ho il tuo volto tatuato nei miei occhi
quando mi specchio vedo te
lascia che ti guardi ancora e mi inginocchi
ti dedico le eterne pagine
ho una storia da narrarti
la storia parla di me e te
ho una proposta qui da farti
vuoi fare la storia insieme a me?

Io per troppo tempo
ho girato senza senso
lottato controvento
in cerca di me stesso
e il mondo nel frattempo
ha girato lo stesso
e quanto tempo ho perso
sì, ma adesso
mi son fermato sotto un tetto dove non ho più freddo
lo giuro sul bagliore dell’anello che ti ho messo
zaffiro come il cuore limpido che ho nel petto
ogni battito è l’eco di eterno che ti ho promesso.
E tu vuoi che sia io
a darti l’eternità che non ci può dare Dio?
ho postato questa storia ed ho premuto l’invio
e anche dopo 24 ore resterà in bio.
Voglio svegliarmi accanto a te
tenendoti per mano
e sussurrarti nelle orecchie che
io ti amo

Ho il tuo volto tatuato nei miei occhi
quando mi specchio vedo te
lascia che ti guardi ancora e mi inginocchi
ti dedico le eterne pagine
ho una storia da narrarti
la storia parla di me e te
ho una proposta qui da farti
vuoi fare la storia insieme a me?

La mia vita è cambiata il sei dicembre scorso
come se da un lungo sonno fossi scosso
ho scagliato in un fosso tutta la polvere di dosso
ho rimosso la foto in cui ero uscito mosso
ed ora sono cinque mesi e come vedi bastan tempi brevi
quando ci si è intesi e ci si sente presi
e se qualcuno mi dice che stiamo avendo troppa fretta
beh rispondo che il mio cuore è ventisette anni che ti aspetta
e gli otto anni di differenza? Bella questa,
è un discorso senza consistenza
l’età è solo un numero io amo la tua intelligenza
la tua essenza la tua bellezza, sei la mia principessa
e sopra questa casa costruiremo ogni certezza
il lago dentro il nostro letto porterà la brezza
e spegnerà ogni fiamma di paura e di amarezza
e fiorirà un’orchidea per ogni carezza
quindi il destino è definito
sopra l’isola ogni lido riecheggia il mio invito
tu sarai mia moglie, io sarò tuo marito
come testimonia questo anello che ti toglie ogni ombra dal dito.

Ho il tuo volto tatuato nei miei occhi
quando mi specchio vedo te
lascia che ti guardi ancora e mi inginocchi
ti dedico le eterne pagine
ho una storia da narrarti
la storia parla di me e te
ho una proposta qui da farti
vuoi fare la storia insieme a me?

Intanto che aspettiamo i gioielli di Valenza
la valenza io la faccio spirituale
entriamo nell’essenza del valore immateriale
insito nell’amare te
amare te…
piccola, vuoi sposarmi?
Ricordati che ti amo,
adesso, ieri e ti amerò per sempre….

Leggi l’articolo sul nostro San Valentino al castello di Spessa